venerdì 23 gennaio 2009

Il Respiro di Roma, salviamo i nostri alberi

L'associazione La Vita degli Altri onlus organizza per
Martedì 27 gennaio 2009 dalle 10:30
Casa del CinemaVilla Borghese - Largo Marcello Mastroianni 1 - Roma
un incontro su
IL RESPIRO DI ROMA SALVIAMO I NOSTRI ALBERI
"Il Respiro di Roma - salviamo i nostri alberi" è una giornata di convegno e incontri organizzata il 27 gennaio da LA VITA DEGLI ALTRI onlus, con l'adesione dell'attore Luca Zingaretti e l'amichevole ospitalità della Casa del Cinema, per fare il punto sul verde della Capitale e le sue emergenze. A partire dalle 10.30, interverranno i rappresentanti delle più importanti associazioni che si occupano di ambiente, biodiversità, cultura e territorio, ma anche esponenti di comitati civici, esperti, studiosi, a comporre una vera e propria mappa di quella che può senz'altro definirsi una situazione critica. Da Villa Borghese e altri parchi storici fino all'Agro Romano, alla Bufalotta, al Parco dell'Insugherata, al Fosso della Cecchignola o a Castel di Guido, il patrimonio ambientale e arboreo di Roma è unico al mondo quanto a varietà, ricchezza, antichità, e allo stesso tempo è straordinariamente minacciato da speculazione edilizia, inquinamento, incuria, in termini di cattiva manutenzione e sregolati abbattimenti.
Maggiori informazioni su

Noi non siamo stati invitati tra i relatori ( ma parteciperemo come interessati ascoltatori) e pertanto abbiamo avuto premura di farci conoscere attraverso una mail che sintetizza i nostri argomenti che abbiamo inviato agli organizzatori del convegno.
Gli Alberi e il Respiro di Roma

"Con piacere sono venuto a sapere attraverso canali : telefonici, mail e per ultimo l'uscita sul Venerdì di Repubblica dell'interessante iniziativa a favore degli alberi di Roma che avete organizzato per Martedì prossimo presso la Casa del Cinema. Concordo nel titolo uscito sul Venerdì di Repubblica che questo è un periodo allarme rosso per gli alberi di Roma. Dopo l'evento funesto del pioppo che ha ucciso un bambino il 6 Novembre dello scorso anno al Tuscolano, con la scusa della sicurezza molti sono gli alberi che senza incontrare nessuna resistenza da parte dei cittadini, "sbigottiti" da questi tagli, negli ultimi giorni sono stati tagliati a Roma. E mette timore lo stanziamento di tre milioni di Euro avvenuto qualche tempo fa dal Comune di Roma per un piano potature che al primo posto mette la parola sicurezza. Una sicurezza che piuttosto che sulla diagnosi e la cura (rifacendosi ai metodi oramai scientificamenti approvati dalla Società Internazionale di Arboricultura messi a punto da Shigo e Mattecks) si basa sull'eliminazione e il taglio. Mi son meravigliato che quando nell'articolo e nel comunicato che ho ricevuto si parla di invito alle Associazioni che si occupano di difendere gli alberi a Roma non ci sia stato nessun invito per Respiro Verde la lega per la difesa degli alberi, un movimento nato l'anno scorso che attualmente ha un blog ben frequentato, il cui fine è proprio quello della difesa degli alberi e in particolare di quelli di Roma, con argomenti documentati. Risale a qualche settimana fa la richiesta inviata al Sindaco, l'Assessore all'Ambiente, il Direttore dei Servizio Giardini per avere delucidazioni sul piano di potature di cui sopra. Mi son meravigliato anche perchè tra il titolo dell'incontro e quello della Lega c'è la stessa parola Respiro. Forse non siete a conoscenza del nostro lavoro, dimenticanza? Chissà. C'è sempre tempo per recuperare e conoscersi. Non ho partecipato alle manifestazioni di protesta per il taglio dei Pini di Piazza Venezia perchè nonostante la gravità del taglio, giustificata però dai lavori della Metro (siete andati a vedere lo scempio del cantiere della Metro C in via Teano, in quello che doveva diventare il Parco Somaini che ospita diversi esemplari di querce centenarie - e stò parlando di più di 200 anni- per le quali tremo pensando che un giorno di questi possano sparire ogni volto che ci passo vicino?) ho avuto sentore di propaganda politica. Utilizzare il taglio degli alberi per parlar male della nuova Giunta. E questo non rientra nelle nostre finalità . E' facile fare speculazione poltica utilizzando il tema degli alberi. Quello che noi vorremmo è che si iniziassero a creare dei presupposti affinchè, come avviene in altre parti del mondo, i cambiamenti per la cura e il rispetto degli alberi diventino evidenti. E in questo senso ci stiamo muovendo, facendo proposte , segnalando linee di intervento e indicazioni da seguire. Vi consiglio sul blog di Respiro Verde la visione del film I'm a Lorax I''m speak for the tree con la relativa petizione creata apposta per pretendere una priorità nei bilanci comunali della voce: alberi, cura e manutenzione. La nostra difficoltà in questi mesi è stata quella di coinvolgere persone a lavorare per un progetto comune :ovvero la difesa e il rispetto degli alberi che vivono in città. E' facile scendere in piazza per difendere il taglio degli alberi (che poi come finora è avvenuto a Roma - ricordo la battaglia delle albizie di Via dell'Università per esempio-, per il 90% dei caso vengono tagliati e le persone intervenute nella protesta si disperdono e pensano ad altro) ma difficile iniziare a pensare e lavorare per una nuova riqualificazione del sistema alberi a Roma. Un sistema che grazie anche al crollo della percentuale delle persone che gli alberi li amano e li conoscono vede una sempre più aumentata percentuale di persone che invece gli alberi non li vedono e preferirebbero non averli. Come storico degli alberi continuo a ripetere che gli umani e gli alberi sono entrambi condizionati dai processi della Storia . E la storia di questi giorni ci dice che ora in città gli alberi non devono sporcare (quanto pensate che durerà ancora il bellissimo viale di Diospyros kaki di fronte alla Casina Valadier?) non devono rompere i marciapiedi, quelli grandi possono cadere sulle macchine e quindi sarebbe meglio non averli per che "non sono sicuri"etc . E per lavorare per questa riqualificazione bisogna mettersi a lavoro affrontando i problemi reali al di fuori della propaganda politica o della sensibilità emotiva imminente ad un taglio. Per ciò che riguarda poi l'amministrazione degli Alberi a Roma non è che sia cambiato granchè , a livello strutturale. Su questo potrete trovare argomenti e materiale sulle pagine del blog. Solo per citare qualche esempio : non so se vi siete accorti che il lavoro (per il quale è stato stanziato 1 milione e settecento mila euro per due anni) per la risistemazione del Verde di Villa Pamphilj è stata affidato allo stesso architetto che ha curato quelle di Villa Sciarra e Villa Torlonia. Il responsabile delle ufficio alberate poi, che è quello che decide "dove o non dove tagliare", il vero comandante per ciò che riguarda gli alberi a Roma è sempre lo stesso. L'unica "punta dell'iceberg " che è stata cambiata è stata quella del Direttore del Servizio Giardini, Stefano Mastrangelo e dopo un periodo di direzione forzata affidata a uno zoologo (non lo diciamo fuori Italia se no si mettono a ridere) ora è stato affidato ad una persona capace ed etica (così sembra dal suo curriculum) che è Mario Vallorosi ex direttore del Ufficio decoro urbano, lo stesso che prima dipendeva direttamente dall'ufficio di Veltroni. Cambiato qualcosa? Niente! L'unica cosa che è cambiata è la priorità nelle aspettative dei romani che hanno eletto Alemanno cioè la sicurezza. Ed ora i criteri con i quali vedere gli alberi non sono: ossigeno, ombra, bellezza, ma solo ed esclusivamente sicurezza. Fosse per loro (per gli amministratori gli alberi sono solo scocciature) preferirebbero averli di plastica. Pensate che Alemanno nel 2003 quando era Ministro piantò insieme a Roberta Angelillo 19 alberi a Villa Glori per commemorare i caduti di Nassirya , che lo sappiamo tutti furono 19. Ebbene di quei 19 alberi ne sono rimasti solo 6, molti se li sono addirittura rubati. Se ci fosse stata sensibilità e attenzione e rispetto, sarebbero presto stati riimpiantati. Ma per un politico piantare un albero è propaganda per noi che li amiamo e li rispettiamo no.Per poi ciò che riguarda i problemi gravi di Roma e dei suoi alberi molti argomenti non sono stati neanche ancora inquadrati. Noi ne abbiamo proposti alcuni sui quali discutere, lavorare e vederli realizzati: 1 - Roma non ha ancora un suo regolamento sulla tutela del Patrimonio arboreo pubblico e privato; 2 - Non c'è un URP (Ufficio relazioni con il pubblico) accessibile per sapere e avere informazioni sugli alberi di Roma. Comunicare da parte di un cittadino con il Servizio giardini era è ed è ancor Top secret; 3 - Roma non ha un suo vivaio comunale, per non parlare di un arboreto o di un Orto botanico che chiude quando potrebbe essere visitato dai cittadini (che durante la settimana lavorano) cioè la domenica. Da quest'anno per mancanza di fondi è stata anche eliminata la minuscola scuola giardinieri che negli ultimi anni era diventata un corso di giardinaggio; 4 - La città non dispone di una deceppatrice, e quindi non può piantare alberi dove ci sono ceppaie ma per farlo deve rivolgersi a ditte private; 5- Roma è' una città dove la legge Rutelli che prevede la piantumazione di un nuovo albero per ogni bambino nato non viene applicata. Insomma gli argomenti sono tanti e ben venga un incontro ben impostato ed elaborato come quello di Martedì presso la Casa del Cinema. Noi ci saremo. E saremo ben lieti di ascoltare le relazioni dei partecipanti."
Antimo Palumbo

L'unione fa la differenza

Ecco la risposta degli organizzatori del convegno. Per tutti quindi appuntamento a martedì. Le fronde degli alberi che vivono in città mosse dal vento sembrano dire "meno male qualcuno inizia ad occuparsi delle nostre sorti".

"Buonasera e moltissime grazie per averci scritto. Purtroppo non è stato possibile invitare a intervenire tutte le validissime associazioni che si occupano di verde a Roma, ma solo quelle con cui già esisteva una conoscenza diretta o indiretta. Tuttavia uno dei primi intenti della manifestazione è proprio quello di creare una rete di contatti e di incominciare a conoscerci tutti meglio, nella speranza di poter collaborare a obiettivi comuni, poiché l'unione fa la differenza. La vostra presenza sarà dunque particolarmente gradita, attesa e preziosa. A martedì.
Margherita d'Amico




2 commenti:

clelia ha detto...

per conoscenza


All'attenzione del Difensore civico



all'attenzione della responsabile Dott.ssa Antonella Basciani



Vi scrivo per l'assurda situazione della potatura selvaggia dell'era Alemanno a Roma: stamattina nel quartiere Flaminio, a via Donatello, sta avvenendo uno degli ultimi atti della sistematica distruzione del verde cittadino: già i meravigliosi alberi di villa flaminia, credo che potessero essere considerati un piccolo tesoro della nostra città, e che ho sempre creduto protetti, sono stati, (è cominciata da due o tre mesi la loro sistematica distruzione) abbattuti per fare posto agli ennesimi impianti sportivi a pagamento, impianti "d'oro" fabbrica soldi per chi gestisce la scuola, ovviamente rigorosamente privata e carissima, ora sta avvenendo quella che chiamate "potatura" (celebrata dal nostro caro Sindaco con trionfanti cartelloni celebrativi in tutta la città, a proposito: affissioni pagate con quali fondi??) e che in realtà è una vera e prorpia falcidie di alberi meravigliosi. So che questa mia resterà carta straccia ma volevo quantomeno esprimere il mio sconcerto.
Saluti, Clelia Tanda

annamaria ha detto...

SEGNALO CHE VENERDI' 22 maggio alle 18.30 nel giardino di villa Riccio, viale del Vignola 73, i cittadini del quartiere si riuniranno per protestare contro il previsto parcheggio sotterraneo che mette a rischio 36 platani. Vi preghiamo di aiutarci a contattare altri gruppi che protestano per il taglio degli alberi, che vorremmo invitare alla nostra assemblea.
cordiali saluti e buon lavoro
Anna Bianchi Missaglia